REGOLAMENTO

L'amministratrice di questo blog non si riterrà responsabile dei commenti che non rispetteranno le semplici regole di buon senso ed educazione, che si è tentato di riassumere di seguito:

REGOLAMENTO:
  • Chiunque potrà inserire il proprio commento (come anonimo o firmandosi)  
  • I commenti subiranno moderazione preventiva.
  • L’amministratrice del blog si riserva il diritto insindacabile di rimuovere post considerati inadatti e contenenti termini osceni, diffamatori, discriminanti, offensivi e illegali (che violano qualsiasi legge nazionale o internazionale).
  • Ciascun partecipante si assume la piena responsabilità penale e civile derivante dal contenuto eventualmente illecito dei propri messaggi e di ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi.
  • Ogni visitatore e/o utente si impegna a rispettare queste regole pubblicamente.
Non è consentito pubblicare:
  • Messaggi con linguaggio offensivo
  • Messaggi che contengono turpiloquio
  • Messaggi con contenuto razzista o sessista
  • Messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
In ogni caso l'amministratrice del blog non potrà essere ritenuta responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
Si ricorda, infine, che il blog non è una testata giornalistica e che il Regolamento può subire delle modifiche in corso d’opera.

2 commenti:

  1. http://www.youtube.com/watch?v=oO9cnmbWETI
    questo è il nuovo lavoro di Baubò, ricordate il calendario di Donne che ridono"? continua, testardo, il nostro messaggio, ora rivolto alle giovani, portiamo questo lavoro a scuola e i ragazzi approvano, hanno voglia di realtà di bellezza, di unicità, anche con qualche imperfezione.l'entusiasmo delle ragazze è stato contagioso.
    ciao e buon lavoro anche a voi
    gianna- associazione culturale Baaubò

    RispondiElimina
  2. A mio avviso, la questione del rapporto donna-uomo si risolve semplicemente: relazioni sentimentali esclusivamente omosessuali. Poiché è ormai chiaro a tutti che la donna e l’uomo non riescono a comprendersi e non hanno empatia reciproca, è inutile ostinarsi a cercare mediazioni e compromessi che poi non soddisfano nessuno.

    RispondiElimina